cosa e' successo alla nostra sede

Categoria / interviste

Succedeva il 12 ottobre 2018. Sul nostro profilo FB abbiamo scritto quello che è accaduto:

“Siamo profondamente dispiaciuti di trovarci a scrivere questo messaggio ma è doveroso per spiegare cosa si sta verificando presso la nostra sede, la nostra casa. In data odierna, con un decreto di sequestro preventivo ad opera del GIP, sono stati posti i sigilli alla nostra struttura. Il motivo è quello della mancata regolarizzazione dei lavori per la messa in sicurezza dei locali in materia di antincendio. Alcuni mesi fa abbiamo tempestivamente e regolarmente iniziato tutte le procedure necessarie alla messa in regola degli spazi richiesta. Ma puntualmente sono stati fatti scadere i termini entro cui avrebbero dovuto risponderci per darci “l’ok” all’inizio dei lavori. Motivo per cui non abbiamo potuto procedere alla messa in atto del progetto di regolarizzazione. Non è quindi per nostra volontà o inadempienza che questa regolarizzazione non è ancora avvenuta. Aggiungiamo che in realtà avevamo comunque iniziato dei lavori di adeguamento a dimostrazione della nostra assoluta volontà di regolarizzare le cose e anche celermente. 

Ci teniamo a specificare che i nostri locali NON HANNO problemi a livello strutturale. 

Cercheremo di risolvere tutto nei prossimi giorni con i nostri avvocati e ci auguriamo che presto riusciremo a riaprire i locali… magari arriverà anche la risposta dei Vigili del Fuoco e noi finalmente potremo finire i lavori. Ci scusiamo con tutti i soci per questa sospensione temporanea dell’attività. Stiamo cercando di capire come riorganizzarci magari utilizzando altri spazi per cercare di continuare a portare avanti l’attività di entrambe le associazioni. Inutile dire che questo evento ci ferisce in maniera profonda e speriamo che il lavoro serio e onesto svolto in tutti questi anni non venga intaccato da un evento così spiacevole e ingiusto.”

Torna su